Obiettivo Regno Unito: specializzazione in Inghilterra


27 commenti

Foundation Programme – Stipendio

Ciao a tutti!

Penso che questo argomento sia piuttosto interessante e mi sono arrivate diverse domande in merito. La questione dello stipendio in UK e’ piuttosto complicata quindi se non riesco a spiegarmi chiedete e cerchero’ di essere piu’ chiara!

First of all, bisogna stabilire il concetto di “banding“.
Esiste infatti una paga “base” annuale che varia da anno ad anno ed e’ basata sul numero minimo di ore a settimana (i.e. 40 ore). A questa paga si aggiunge una quota in piu’ (chiamata banding) se un medico lavora piu’ di 40 ore e se lavora in orari “unsociable”, ovvero nei weekend, bank holidays, tra le 7 di sera e le 7 del mattino.
Il banding e’ espresso in percentuale della paga totale, puo’ andare dal 20% al 50% del totale preso al mese, a seconda del lavoro.

Per ogni lavoro c’e’ un banding associato (ovvero: non cambia da mese a mese se uno fa piu’ oncall) calcolato sulla media generale. Ecco qui una tabella dei diversi livelli di banding, presa dal sito del BMA (https://bma.org.uk/practical-support-at-work/pay-fees-allowances/pay-banding):

banding

 

Per esempio durante le mie rotation come FY1, ho avuto sempre un banding 1B. In altri ospedali e’ diverso, come potete immaginare dipende da come s0no strutturati i turni.

La paga base annuale (lorda) per un FY1 e’ 22,636 £, che al mese fanno 1880£ circa. La paga base annuale per un FY2 e’ 28,076 £, ovvero 2340£ al mese lorde. A questa cifra mensile si aggiunge il banding. La maggior parte dei lavori come F1 e F2 sono band 1A o 1B. Da considerare che GP per esempio e’ unbanded, il che vuol dire una bella differenza in paga per 4 mesi.

Oltre al banding pero’, nel calcolare lo stipendio netto mensile, bisogna considerare le tasse e la pensione. Ci sono diversi tipi di tasse. Premetto che qui mi rimetto a esperienze personali e non ho conoscenze piu’ di tanto approfondite sul sistema di tassazione inglese (vergogna!).
Aggiungo ora che mi pare che sia le tasse che la pensione sono calcolate sul totale prima del banding. Anzi, prima viene calcolata la pensione, poi sulla cifra restante sono calcolate le tasse. Ovvero: la quota messa da parte per la pensione non e’ tassata. (Mi pare di ricordare. Se e’ sbagliato fatemi sapere che correggo qui!). Quindi la percentuale di banding e’ netta, ne’ tassata ne’ pensionata.

  • National Insurance: contributi allo stato che danno diritto a maternita’, bereavement, varie altre cose che non capisco. Qui il link del sito ufficiale del governo: https://www.gov.uk/national-insurance/overview
    Sto tentando di capire qualcosa della percentuale che questa NI costa ma non sono capace, quindi vi dico che in teoria dovrebbe essere il 12% della paga se si prendono meno di 850£ a settimana, se si superano le 850£ si paga il 2% della paga addizionale.
    Insomma, si paga intorno al 12% del totale per la maggior parte dei due anni (se anche si sale sopra gli 850£ al mese, sara’ di solito di poco).
  • PAYE (Pay as you earn) Tax: income del governo, supporta la sanita’, educazione, difesa, ecc ecc.  https://www.gov.uk/income-tax
    Dovrebbe essere intorno al 20% del pre-banding salary (mi pare… vi giuro, non ci capisco niente). Inoltre a inizio del Tax Year questa tassa non e’ ritenuta per le prime 4000£ (mi pare siano 4000£ durante il foundation year. Questa exemption dipende da quanto si guadagna e da tante altre cose..).
  • NHS PensionLa pensione per chi lavora con l’NHS e’ obbligatoria. Se si vuole fare l’opt out dalla pensione pubblica per qualsiasi motivo si e’ obbligati ad avere un altro schema (privato) per la pensione. La pensione NHS e’ rinomata per essere eccellente (anche se un tempo era meglio, ovviamente. L’eta’ pensionabile e’ stata aumentata recentemente da 60 a 65 anni, per esempio). L’NHS Pension Scheme e’ difficilissimo da capire ma, in linea di massima, durante il Foundation Programme si paga tra il 7 e l’8% della paga unbanded e before taxes. Quanto poi viene dato dipende dal numero di anni di contributi e da quanto si e’ preso.. insomma, impossibile da predirre, ma per i medici risulta essere maggiore di tante altre pensioni per state employers.

In totale ho calcolato che durante il mio Foundation Programme le trattenute sul mio stipendio sono state circa il 40% del totale al mese (tra pensione, income tax e national insurance).

Insomma, forse ora capite perche’ ho rimandato tanto questo post: e’ complicato e non sono sicura di avere capito tutto al meglio. Ma ho pensato che magari puo’ comunque essere utile.

Ecco due esempi del mio Pay Slip:

 

FY1 Payslip, Band 1B

Basic Pay                          1886.33 £
Band 1B                                754.53 £

Income Tax                        345.00£
National Insurance        209.03 £
Pension                                128.27  £

Totale: 1958.56 £

 

FY2 Payslip, Band 1A

Basic Pay                            2339.67 £
Band 1A                               1169.83 £

Income Tax                        502.00 £
National Insurance        299.54 £
Pension                                166.12 £

Totale: 2541.74 £

 

Purtroppo per il mio lavoro in GP (unbanded) ancora non ho un payslip a disposizione (l’ho lasciato in ospedale e non mi ricordo come accedere a quello online), ma vi posso dire che lo stipendio netto e’ circa 1600-1700 £.

Con questo stipendio vi posso dire che si riesce a vivere tranquillamente nel Regno Unito. Ovviamente (soprattutto per l’F1 e nei mesi quando si e’ unbanded) bisogna considerare condividere casa con qualcuno.. per esempio se si e’ in hospital accommodation ce la si fa benissimo. Se si affitta una casa da soli a Londra (o in una major city) potrebbe essere piu’ difficile. Per il resto non ho sentito di molti con grandi problemi, anche gli studenti inglesi che devono ripagare debiti riescono a sopravvivere, tanti di loro si sono comprati macchine nuove (mica come la mia bellissima macchinina usata) ed un paio di miei amici hanno comprato casa (!!!), organizzato il matrimionio, ecc.

E con questo mi pare di poter concludere.. qualsiasi domanda, fatemi sapere!
Un saluto!
Fede


11 commenti

Core Medical Training (CMT) application

Ciao a tutti!

Ebbene si’, sono ancora viva! E torno alla riscossa con un nuovo (spero utile) post, sulla domanda per un posto nei primi due anni del training in medicina.

Ancora una volta, non ho intenzione di spiegare qui come funziona il sistema in maniera dettagliata, una ricerca su google vi dara’ tantissime risposte il quanto piu’ complete possibile. Invece voglio raccontarvi com’e’ stato per me intraprendere il passo successivo al Foundation Programme.

Come saprete (forse.. se non lo sapete mi rimetto ai link che ho pubblicato in passato su come funziona il sistema.. mi pare che siano anche nella colonna sulla destra qui accanto) durante il secondo anno del Foundation Programme bisogna scegliere verso cosa indirizzarsi. Nel post scorso ho parlato delle varie opzioni e cosa comprendeva l’inizio del processo per fare domanda… Una delle cose piu’ complicate da fare penso che sia spiegare come si fa domanda per Medicina.

Intanto voglio chiarificare che sto parlando del CMT e non dello specialty training (ST), quindi comunque si parla di due anni generali a girare per vari reparti.
Questo il sito-bibbia per chi vuole informarsi su come e’ stato quest’anno.. ci sono davvero tantissime informazioni su come compilare la domanda, prepararsi, come funziona la selezione, ecc.
http://www.ct1recruitment.org.uk/

La seconda parte dell’application online e’ quella che richiede MOLTA preparazione e dedizione. Le sezioni che ho nominato a Novembre erano identiche per tutte le specialita’, quello di cui parlo oggi invece e’ specifico per l’application al CMT. Scrivero’ a breve un post sull’application per General Practice, ma ho anche informazioni piu’ specifiche per CST e ACCS se aveste interesse.

Per il Core Medical Training completare in modo completo ed attento l’application form e’ fondamentale. Infatti il punteggio aggiudicato a tutti gli achievements e’ dato qui. Il che vuol dire che ogni cosa fatta dopo non conta in quanto a punteggio. Faccio un esempio: aver partecipato ad un Audit vale 2 punti, averlo presentato ne vale 4. Se la presentazione e’ dopo la chiusura dell’application.. punti persi. Comunque si puo’ mettere nel portfolio e forse conta in quanto “Committment to specialty” ma non possono aumentare i punti relativi agli Audit. Il che un po’ sucks perche’ concede 2 mesi in meno per lucidare il proprio portfolio (l’application chiude a inizio Dicembre, le Interview sono a fine Gennaio).

A fare punteggio ci sono varie sezioni considerate:

  • Additional Undergraduate Degrees and Qualifications
  • Postgraduate degrees and qualifications
  • additional achievements
  • Presentations/posters
  • Publications
  • Teaching experience
  • Clinical audit and quality improvement

Dettagli si trovano in questo link: http://www.ct1recruitment.org.uk/the-application-form/application-scoring.html
Per ognuna delle categorie qua sopra bisogna dichiarare quello che noi riteniamo. La verita’ delle dichiarazioni non e’ confermata fino ai colloqui, ma se ti beccano che hai detto il falso sono casini. Ovviamente bisogna anche bilanciare il non dichiarare troppo poco e far contare tutto.
Per ogni categoria inoltre bisogna spiegare brevemente le esperienze avute.

Finally poi il grande capitolo del “commitment to specialty”. Ovvero: cosa hai fatto per dimostrare il tuo interesse in questa specialita’. Bisogna fare qui un discorsetto di 450 parole massimo di pappardelle tremende ed auto-celebrazione. Ci sono poi altre 150 parole disponibili per spiegare gli achievements al di fuori della medicina (per esempio sport oppure volontariato) che possano supportare l’application.

Direi senza ombra di dubbio che queste due parti (Scoring e Commitment to Specialty) sono quelle piu’ time-consuming in assoluto dell’application form. Aspettatevi di metterci diverso tempo. Se scrivete il vostro discorsetto per il Commitment to Specialty, portatelo ad un Consultant di Medicina (che preferibilmente fa le Interview per la vostra deanery) per farvelo correggere. Se avete dubbi, chiedete sempre a questo consultant.

Le stesse informazioni piu’ o meno sono chieste anche per la maggior parte delle specialita’, in alcune si aggiunge la ricerca, che qui invece manca completamente… in altre invece c’e’ molto meno..

Se si volesse partire dall’Italia vi renderete conto da soli quanto sia difficile: per loro questo processo e’ un esercizio a crocette. Piu’ le cose sono conformi al loro sistema e piu’ e’ facile per gli Interviewer in 5 minuti capire che cosa hai fatto veramente. (poi ricordiamoci che gli inglesi ad elasticita’ mentale non sono messi benissimo).
Se siete a fare un periodo di observership o clinical attatchment il mio consiglio e’: chiedete al piu’ presto al vostro Clinical Supervisor se ha un Audit in cui potete dare una mano. Se vi dice di no, chiedete al Registrar. Se ancora no, andate all’Audit Department e sentite se hanno cose avviate di priorita’. I progetti migliori sono quelli che porteranno ad un effettivo cambiamento della pratica clinica e della patient safety.. ma alla fine tutto fa punteggio!

Tra inizio Dicembre (momento di scadenza dell’Application Form) e Gennaio succede poco in quanto a Recruitment. Si viene notificati del punteggio fatto (ma gia’ ve lo siete calcolati da soli) e se va tutto bene siete invitati ad un colloqui, anche detto Interview. Quest’anno ci hanno fatto esprimere 4 preferenze durante l’application, queste sono le zone in cui, se mi offrono lavoro, potro’ andare a lavorare. E, a seconda della graduatoria, anche l’interview viene organizzata secondo queste preferenze.

Ogni deanery ha un suo periodo in cui si tengono le interview, per il CMT sono quasi tutte a fine gennaio. Per il Core Surgical Training sono nazionali a Londra il 4 Febbraio, per l’ACCS (Emergenze/Anestesia) sono a fine febbraio.. insomma, tempistiche molto diverse! Sul sito del Core Training Recruitment specifico per la deanery ci dovrebbe essere scritto quando si tengono le interview. A me hanno comunicato che potevo fare l’interview il 9 gennaio, ed il colloqui l’ho fatto ieri.. insomma, se aspettate la comunicazione ufficiale non lascia tantissimo preavviso!

Mentre si aspetta il colloquio, e’ importantissimo prepararsi a dovere. Infatti paradossalmente medicina non e’ competitivissima (altre specialita’ sono molto peggio), ma in alcune cose rompono davvero tantissimo e sembra che debbano selezionare il prossimo team di salvataggio della specie umana!

Ora giusto per cambiare un po’ faro’ un post separato sull’interview e su come prepararsi a questa!

Baci a tutti!
Fede

Edit aggiunto 30/01/15
PS: Fare l’application e l’interview non richiede il pagamento di alcuna cifra. Anzi, volendo si può richiedere il rimborso spese


4 commenti

Practical Tips for Moving to the UK – Parte 1: Affittare casa in Inghilterra

Come forse ho già detto in precedenza, a fine Agosto ho abbandonato la mia cameretta nell’Hospital Accommodation e mi sono (finalmente!) trasferita in una casetta tutta mia (e del mio fidanzato! yee). Dato che l’approccio al mondo dell’affitto in UK mi ha creato un po’ di ansia ho pensato di raccontare la nostra avventura per trovare una casina.

Un po’ di terminologia, per cominciare:
-Tenant = l’affittuario
-Landlord = padrone di casa
-To Let = affittare casa
-Real Estate Agency (anche solo Agency o, per gli affitti Letting Agency) = Agenzia Immobiliare
-Furnished = arredata (fully, partially, etc.)

1) La ricerca.
Io mi sono affidata al sito RightMove (www.rightmove.co.uk). L’ho trovato molto utile e ben costruito, e pure la loro App è stata un salvavita.
In alternativa ci sono Zoopla (www.zoopla.co.uk) e probabilmente molti altri che io non conosco. Entrambi questi siti si basano su annunci di Agenzie. Se volete invece affittare da un privato vi posso consigliare GumTree (www.gumtree.com), utile per qualsiasi altra cosa tra privati, per esempio macchine usate, ecc. (ovviamente da prendere con le dovute precauzioni).
Muoversi per tempo è stato fondamentale, soprattutto considerando che la vita da giovane medico rende molto complicato cercare casa durante la settimana. Infatti la maggior parte delle agenzie è aperta dalle 9 alle 17, e durante la settimana questo comporta che sia praticamente impossibile poter andare a vedere le case. Altro fattore che ha complicato le cose (per me) è stato il fatto che il quartiere che avevo scelto è particolarmente richiesto ed in voga, quindi case messe sul mercato la mattina venivano prese nell’arco di uno o due giorni.
Identificata una proprietà interessante si entra in contatto con l’Agenzia per organizzare un Viewing. Fortunatamente fanno vedere le case anche di Sabato ed alcune agenzie pure di Domenica.
Io sono andata a vedere due appartamenti da sola ed uno con il mio fidanzato.. I primi due mi avevano lasciata un po’ perplessa ed ho lasciato perdere, il terzo che abbiamo visto insieme invece ci è piaciuto subito. Dopo di noi stavano mostrando la casa ad altre due coppie, ed abbiamo capito subito che dovevamo muoverci immediatamente. Presa la decisione su due piedi siamo andati subito all’agenzia, dove abbiamo “put in an offer”. Ovvero: abbiamo comunicato il nostro interesse ad affittare.

2) L’offerta.
Arrivati in Agenzia abbiamo avuto la fortuna di essere stati i primi a vedere la casa e quindi a comunicare di volerla affittare. Se già altri avessero fatto un’offerta l’Agenzia avrebbe sottoposto le offerte al padrone di casa e lui avrebbe scelto chi prendere come tenants.
Immagino che ogni agenzia lavori in maniera diversa, ma questi hanno chiamato immediatamente il Landlord, che ha detto loro che andava bene (ovviamente.. vorrei vedere chi è che dice di no a due medici con contratto a tempo pieno! ecco.). Ci siamo accordati per un contratto di 12 mesi (qua penso che vadano per la maggiore.. di 4+4 non ne ho sentito parlare). A questo punto abbiamo proceduto a firmare un accordo iniziale e fornire i documenti richiesti, ovvero copie di passaporto/patente e Proof of Residence (quindi una lettera della tipa dell’Accommodation oppure una bolletta a nostro nome all’indirizzo in cui abitavamo prima, ecc).

3) I controlli.
Questo punto per mia esperienza è quello che più si discosta dalle pratiche italiane. Nel giorno successivo alla prima firma abbiamo dovuto compilare un papello di roba in cui venivano richiesti vari dettagli, tra cui il tipo di lavoro, il nome e contatti del datore di lavoro, il tipo di contratto, la paga annuale, il numero di busta paga. E tutte queste informazioni ripetute se avremmo cambiato lavoro in un futuro prossimo. Poi informazioni sulle residenze precedenti (dei 5 anni prima), il nome del precedente Landlord ed i suoi contatti. Più varie dichiarazioni su precedenti casi di bancarotta o simili.
Tutti questi dati sono poi stati passati ad un’Agenzia indipendente che ha contattato il datore di lavoro per avere conferma delle informazioni, il precedente Landlord, la nostra banca, ecc.
In qualche caso può succedere che venga richiesto un Guarantor. Questo può accadere se non si ha un lavoro fisso oppure se si sono cambiate tante case negli ultimi anni (tante davvero.. Carlo si è spostato 5 volte e a noi non hanno chiesto niente). Un Guarantor deve essere un cittadino inglese (mi pare) che sia disponibile a pagare l’affitto nel caso in cui il Tenant sparisca nel nulla e non sia rintracciabile. Se questa figura è richiesta e non si ha nessuno mi pare che si possa comunque affittare mettendo una caparra molto maggiore. Io cmq non conosco nessuno cui hanno chiesto di avere un Guarantor.

4)Il Tenancy Agreement.
Nel giorno prestabilito ci siamo recati in Agenzia dove abbiamo firmato il Contratto ufficiale e ci hanno dato le chiavi. Abbiamo poi anche firmato un inventario di cosa c’era in casa e delle condizioni di mobili/pavimenti/muri/ecc.
Lo stesso giorno abbiamo lasciato una caparra e pagato il primo mese di affitto.

5) Utility Bills.
Acqua e Luce (non esiste gas) ci sono state trasferite a nostro nome. Abbiamo ricevuto una lettera in cui il provider di elettricità ci chiedeva info in più (ehm.. ancora non ho inviato la risposta! ansia), ed abbiamo ricevuto una lettera che ci ricordava di dover pagare la tassa della TV (145 sterline l’anno).
Inoltre in UK esiste la Council Tax, che se vogliamo tradurla possiamo definirla Tassa Comunale (volendo una sorta di Condominio?) che in pratica copre l’utilizzo della terra e dei servizi tipo spazzatura ecc. Anche per questa ci hanno chiesto delle informazioni aggiuntive per lettera, piuttosto semplice da compilare tutto sommato.

6) Cambiare Residenza.
Questo è un punto su cui ancora devo lavorare. E’ stato piuttosto facile cambiare indirizzo sui vari siti (ad esempio BMA, sito della Banca, ecc) ma ancora mi devo applicare per cambiare indirizzo a cui è registrata la mia macchina e cambiare residenza ufficiale.
Per la registrazione della macchina è piuttosto semplice: si compila la richiesta e si spedisce libretto di circolazione + richiesta all’ufficio della Motorizzazione (che si trova a Cardiff). Dopo un paio di settimane ti ri-inviano il libretto con i nuovi dati.
Per cambiare la residenza con il Consolato: esiste un modulo da compilare, poi scannerizzare e spedire per mail all’ufficio consolare giusto. Non dovrebbe essere troppo difficile!

 

A Bowl with 9 Lemons (o quasi)

A Bowl with 9 Lemons (o quasi)

 

Mi pare di aver raccontato le cose più importanti sull’affittare una casa in UK, se mi sono dimenticata qualcosa aggiungete pure nei commenti e così pure se non sono stata chiara o c’è bisogno di più delucidazioni!
Puntate future di “Practical Tips” prevedono come rinnovare il passaporto e come rinnovare la patente nel Regno Unito. Altre cose che potrebbero essere utili? (si accettano suggerimenti.. iscrizione all’AIRE? comprare una macchina usata in UK?)

Un saluto a tutti!
Fede

 


21 commenti

F2!

Pare proprio che sia passato un intero anno da quando ho cominciato il Foundation Programme. A fine luglio ci hanno comunicato di averci dato la Full Registration con il GMC, ed ieri è stato l’ultimo turno da F1.
Fa un po’ strano. Sono stata affiancata all’F1 che ha preso il mio posto in Respiratory, con tutti i (comprensibili) timori di un nuovo medico neo-laureato. Tutte le paure condivise dalla gran parte di noi all’inizio di un lavoro clinico, esattamente le stesse che avevo pure io un anno fa. E averla lì mi ha fatto rendere conto quante cose io abbia imparato, e mi ha riempito di soddisfazione. Perché essere lontani da casa e dagli amici, non avere una rete di supporto, dover fare tutto da soli è difficile e a volte si perde di vista quello che si sta guadagnando. Ma la quantità di cose che ho fatto e che mi sono state insegnate mi rendono davvero felice e soddisfatta di essere venuta fino qui ed aver intrapreso questo percorso. Mi riesce difficile spiegare questa sensazione, ma mi sento particolarmente contenta. Sono sicura che quest’avventura mi ha permesso di riguadagnare tanto entusiasmo nella pratica medica e non penso che questo sia da poco.

L’ultimo turno da F1 è stato bittersweet. Da un lato il mio reparto era il più busy dell’ospedale e tutti noi medici eravamo in pieno burn-out. Sono decisamente contenta da un lato di aver concluso lì, è stato davvero tanto sfinente dal punto di vista fisico e mentale. Dall’altro lato però sono stati i mesi che più mi hanno messa alla prova e mi hanno fatto crescere (oddio, non che i primi 4 siano stati semplici ma qui le responsabilità erano MOLTE di più). I medici che ho incontrato sono persone fantastiche, che stimo davvero tantissimo e mi dispiace non vederli più. Il mio Registrar era eccezionale e sento che mi avrebbe potuto insegnare davvero tantissime altre cose, e così la mia SHO. E non mi hanno fatto mettere un drenaggio toracico, cosa che invece mi sarebbe piaciuta fare :D.
Ieri come ciliegina sulla torta sono anche stata chiamata ad un arresto cardiaco. Ovviamente sono andata nel panico e non sapevo cosa fare. ABCDE??? What would that be? Chi ne ha mai sentito parlare? -.- Eh vabbé.
Comunque tutto sommato è giusto che si vada avanti perché ultimamente le responsabilità da F1 cominciavano ad essere riduttive per quello che in realtà mi sentivo di fare. Quindi on to F2!!

Da oggi dunque: F2! Lavoro per i prossimi 4 mesi in Pronto Soccorso, e manco a dirlo sono terrorizzata. Il lavoro è così diverso da qualsiasi cosa io abbia fatto fin’ora che mi spaventa a morte e contemporaneamente mi stimola tantissimo. Cioè, le sensazioni sono simili a quelle dell’anno scorso, e pensare a quanto io abbia imparato in questo anno mi fa capire che da questi 4 mesi posso imparare tanto, e non vedo l’ora! Il primo turno ce l’ho venerdì pomeriggio, poi lavoro tutto il weekend. Sfortunatamente i turni di pronto soccorso sono da matti quindi avrò giorni liberi a caso sparsi per la settimana, di weekend penso ne avremo libero uno al mese circa.
E cominceremo a fare le notti!! Finalmente!

Inoltre tra due settimane e mezzo mi trasferisco in un quartiere super trendy di Manchester, in un bellissimo appartamento proprio davanti ad una palestra con campo da tennis dove ho già preso contatti per fare un corso. Ottime cose!

Insomma, grandi cambiamenti! Vi terrò aggiornati quanto riesco! So che ho DIVERSE email a cui rispondere… giuro che non me ne sono dimenticata ma è stato un periodo un po’ faticoso, perdonatemi. Spero di rimettermi in carreggiata presto.
Un salutone a tutti! Baci!


4 commenti

La carenza dei carciofi ed altri affari

Avviso: questo post è veramente a caso, qualche pensiero per passare un po’ di tempo prima di mettere a posto casa.

Possibile che un F1 sia una delle persone che più mi stanno simpatiche al di fuori dell’ambito lavorativo e contemporaneamente quando mi trovo a dover lavorare con lui mi sento sempre giudicata e ho crisi d’ansia per delle cavolate successe con i suoi pazienti? Ad esempio, lo scorso on-call ho riscritto un terzo di pagina nelle notes di una paziente TRE volte, dico TRE, perché sapevo che lui il giorno dopo avrebbe letto quello che avevo scritto. Durante un on-call. Alle 11 di sera, con ancora un paio di pazienti da vedere. (Le chiamavano priorità).
Invece trovo le sensazioni opposte molto più semplici da affrontare (ad esempio dei soggetti che non mi piacciono più di tanto nella vita di tutti i giorni come persone ma come medici mi ci trovo bene).

Comunque, ho comprato una macchina (usata). Con la guida a destra e tutto. L’ho individuata su internet (viva autotrader.co.uk), ho chiamato per sapere se erano aperti, sono andata dal concessionario. L’ho guardata, mi son fatta dire qualche dettaglio, l’ho guidata e l’ho presa. In meno di un’ora sarei potuta uscire di lì con la mia macchinina. Non l’ho portata a casa perché volevo fare con calma l’assicurazione e dovevo ancora organizzare il parcheggio. Sabato prossimo la passo a prendere, mi daranno tutti i documenti. Per il passaggio di proprietà praticamente il concessionario farà la richiesta, a me dà un foglietto con valore legale e tra un paio di settimane o qualcosa in più mi arriverà un cedolino con scritto che sono la nuova proprietaria. Così, semplicemente.

E finalmente sono riuscita ad organizzare le ferie anche per questa rotation! Avrei dovuto farlo ben prima ma tra una cosa e l’altra non ho mai avuto tempo, ora posso aspettare con ansia il momento in cui riuscirò a tornare in Italia e andare al mare.
Interessante come quando stavo a 15 minuti di tempo dal mare non m’importava per niente poterci andare e adesso sento quasi la necessità fisica di andare a rilassarmi in spiaggia. E prendere un po’ di sole. Io do la colpa alla vita lavorativa e alla carenza di Vitamina D, inevitabile in questo paese.

Dato che questo post è veramente sconnesso a questo punto posso anche parlare di una delle cose che più mi lascia perplessa dell’Inghilterra rurale. La TOTALE assenza di Carciofi. Premetto che i carciofi sono la mia verdura preferita. Ora, so che l’Italia è il primo paese produttore e non posso aspettarmi la stessa reperibilità qui, e so che non tanti altri paesi possono crescerli (di certo non in questa terra fredda e piovosa), ma abbiamo trovato il modo di far arrivare le banane in Norvegia, di certo far arrivare qualche carciofo a Sheep Town non è impossibile no?
Ho girato tutti i supermercati del paese e non ce n’è nemmeno l’ombra. Ora che ho la mia fedele macchinina mi lancerò alla scoperta dei supermercati di Manchester. Se qualcuno ha suggerimenti di dove li vendono, fatemi sapere!
E il bello è che li inglesi non sono consapevoli di cosa si perdono. Real conversation con un inglese e una gallese:
Fedeinfuga: “Una delle cose peggiori dell’Inghilterra è che qui non avete carciofi”
Gallese: “Carciofi??”
Inglese: “Ah sì, li ho sentiti nominare” (cercando su google immagini dei carciofi per vedere come sono fatti)

-.-
Sgomento più totale


7 commenti

Tipica settimana di un F1 in General Surgery

Il lunedì è sepre faticosissimo. Sveglia e colazione rapida (grazie al cielo -ed al mio stipendio- mi sono comprata una Espresso Machine e la mattina mi alzo con la prospettiva di un buon caffè) e poi si esce, ore 7.15 am.

Un minuto a piedi e sono già all’ingresso secondario dell’ospedale.. questo brevissimo tragitto mi fa sempre apprezzare quanto sia comoda la Hospital Accommodation.. è brutta, fa un po’ studentato e vorrei tanto un mio appartamento,  ma con questi orari me la faccio andare bene.

Fermata nella Mess Room, la stanza medici comprensiva di TV a 42 pollici, microonde, frigo, thé e caffe, latte, cereali e toast, burro, marmellate inclusi. A quest’ora di mattina ci sono gli SHO della notte che ancora dormono sui divani (se sono fortunati). Mollo qui la borsa e cappotto e mi orno degli strumenti da lavoro: il mio badge, il laccio emostatico tutto colorato comprato di tasca mia, lo stetoscopio intorno al collo, 2 penne (nere perché qui i medici scrivono solo in nero) ed il cercapersone, anche detto il Bleep. Se non ho tasche prendo anche la borsetta  in cui infilo telefono e l’Oxford Handbook (cheese and onions), orologio, torcetta per vedere la reazione delle pupille alla luce, qualche bustina di gel lubrificante (una prova schiacciante di essere in chirurgia), e altre cianfrusaglie.

Arrivo in reparto, sono 10 minuti in anticipo, quanto basta per stampare la versione aggiornata della Lista (l’elenco dei pz sotto il mio consultant con motivo di ricovero, investigations, plan) e recuperare le cartelle dei pazienti ed ordinarle diligentemente su un carrellino che, con aria un po’ pietosa, mi trascinerò dietro per il giro visite.

Tra le 7.40 e le 8.10 arrivano la mia F2,  il Reg e il Consultant. Appena arriva il reg gli consegno la sua copia della Lista e facciamo il punto della situazione per tutti i pazienti, rituale che poi viene ripetuto quando arriva il consultant.

Partiamo con il ward round, a volte pure prima che il Consultant sia arrivato. Io faccio da scribacchina,  tento di scrivere tutto e di interpretare le espressioni del volto del reg mentre fa l’esame obiettivo.. avrà sentito crepitii o il torace era clear?
Un paziente dopo l’altro, di solito finiamo entro le 9, quando tutti i senior si sparpagliano in mille direzioni verso gli ambulatori per gli outpatients o l’endoscopia, o il proprio ufficio, o la sala operatoria o chissà dove.

A questo punto io e l’F2 tiriamo un sospiro di sollievo (un altro giorno passato senza aver fatto arrabbiare il consultant) e se ci sono esami urgenti da ordinare lo facciamo subito, altrimenti torniamo nella mess per la prima pausa caffè.

Sulla lista mi annoto i lavori da fare durante la giornata: controllare gli esami del sangue, controllare il risultato della TC per un paziente (TC che dovrebbe essere fatta in giornata.. chiamo rapidamente radiologia per farmi dire l’orario), finire la lettera di dimissioni per un altro pz e firmarla, così può andar via (come deciso durante il WR), richiedere un eco e una MRCP,  ecc.

Mi squilla il Bleep, l’odiato companion di un qualsiasi medico inglese.. sempre attaccato alla cintura/tasca/borsa. guardo il numero da richiamare con trepidazione.. è solo il reparto. Chiamo e l’infermiera mi informa gentilmente che una paziente ha la febbre. Le do qualche istruzione iniziale e se sono libera di andare accorro subito. Valuto la situazione e richiedo gli esami che voglio, prendo le colture e le mando in laboratorio e faccio il necessario.  Se non sono sicura (devo chiedere una RX torace?) mi consulto con la mia F2.

I risultati dei vari esami del sangue non saranno pronti prima delle 13 quindi faccio il resto e se prima di pranzo mi rimane tempo o mi offro di aiutare un team più busy o faccio un’altra pausa caffè (con sensi di colpa in offerta dato che potrei usare questo tempo per lavorare ad un Audit).

Alle 12.30 circa ci avviamo verso la mensa e facciamo una mezz’ora di pausa, poi respiro profondo prima di ricominciare che ora tornano tutti i risultati e si rischia di trovare qualcosa che non va.

Per ogni esame che abbiamo ordinato prendiamo la cartella e scriviamo i risultati, con eventuali cambiamenti di piano, tipo cominciare supllementi orali di potassio. Poi li scrivo anche nella Lista, così che domani sarà up to date.
Se ci sono problemi cerco il mio Reg e mi faccio dire cosa vuole fare.

Alle 16/16.30 (a seconda di quanto è stata impegnata la giornata..) se ho ancora lavori da fare chiamo l’F1 oncall e faccio handover… il report della TC ancora non è tornato dovrà controllarlo lui. e gli accenno la situazione per i pz più instabili, così che se lo chiamano per uno di loro almeno avrà un’idea della storia.
E… Finalmente casa!

Martedì.. la situazione rimane stabile, in pratica è un repeat del lunedì. Abbiamo però FY1 teaching dalle 12.30 alle 14.45 quindo mangeremo mentre  si fa lezione. Questa settimana la prima ora è sulla nutrizione e la seconda è sul management del pz non cosciente o con le convulsioni.
Due ore blissfully Bleep-free!
Alla fine della giornata riusciamo a rimanere con 3 pazienti, purtroppo il mio consultant è on call oggi, quindi tutti i nuovi pz entreranno sotto di noi!

Mercoledì tento di arrivare verso le 7.10 dato che siamo di Post-Take (ovvero: dobbiamo vedere tutti i nuovi pazienti arrivati il giorno prima!). Al normale giro visite si aggiunge il Reg che era oncall martedì,  quello che ha visto i pazienti ed ha deciso che esami fare e di ricoverare i pz. La preparazione è più complessa perché ho due Liste, quella solita e quella del Post-Take.

Facciamo il giro e ci capisco la metà, sono troppo impegnata a scrivere tutti i dettagli e vedere da che lato hanno una stomia o controllare i globuli bianchi del giorno prima.
Comunque svolgo al meglio la mia funzione da scribacchina e una volta visti tutti i pz io e l’F2 ordiniamo gli esami per la giornata.  Ovviamente di solito il giorno di Post-Take e quello dopo sono i peggiori dato che i pz sono meno stabili. Già quando arrivo la mattina non ho illusioni di riuscire ad andare a casa in orario!
Mercoledì dalle 13 alle 14 abbiamo un altro Teaching obbligatorio (ma questa volta dobbiamo tenerci i bleep), i Grand Round. Questo è un meeting per tutti i medici dell’ospedale su un argomento interessante. Oggi purtroppo han deciso di proporci un’ora di disfunzione erettile, cortesia di un Medico di Famiglia. Per lo meno ci offrono il pranzo ( riso con curry).
Prima di andare a casa unisco le due Liste, il che, per un’OCD come me, vuole anche dire controllare che i dettagli che voglio io ci siano stati messi (per esempio la past medical history o i risultati del sangue per intero).

Giovedì e venerdì continuiamo sulla falsa riga del lunedì, ovviamente se un pz sta male la giornata sarà incredibilmente più busy.
Giovedì il mio consultant ha il giorno in sala per operazioni programmate quindi, se la mia F2 non c’è, ci sta che mi chiedano si scrubbarmi ed assistere.  Non che mi dispiaccia, dato che mi diverto.. il problema è se ho tanti altri lavori da fare in reparto, ma in un modo o nell’altro me la caverò.
Inoltre mi chiameranno dal Day Case per fare le lettere di dimissioni per i pz che vengono operati dal mio consultant.

Venerdì infine abbiamo un altro Teaching per i junior in chirurgia sul management di un pz con colelitiasi.
Quando arrivano le 4 mi stampo una lista aggiornata e faccio l’Handover con l’F1 oncall per il weekend riguardo eventuali pz instabili e qualsiasi altra questione.

Spero di aver reso l’idea di come sia una settimana in reparto quando non on-call!
Da notare anche quanto siano ravvicinati gli ultimi due post! :) eheh
Oserei dire merito del fatto che sono chiusa in un treno per il Galles per un gran total di 5 ore e mezzo!!! Aaargh.
Cmq perdonate gli errori/caratteri strani, ho scritto tutto sul telefono!

Un bacione e a presto!
Fede


32 commenti

Quick Update

Ciao peoples!

Tutto bene, si procede come da programma. Siamo a metà del terzo mese (quindi tra 2 settimane finisce la prima rotation!!!) e continuo ad imparare nuove cose.

Sono felice di cambiare reparto perché non vedo l’ora di mettermi alla prova con qualcosa di nuovo (diciamo che l’Ortogeriatria è un po’ ripetitiva), andrò in Chirurgia e fin’ora ho fatto i turni di on-call chirurgici quindi conosco già tutti i Registrar e più o meno ho capito come funzionano le cose.
A partire da Dicembre avrò finalmente anch’io un F2!!!! Che bello!!! Ed è una ragazza brava e con cui mi trovo bene (all’inizio del mio shadowing volontario mi stava antipatica ma mi sono ricreduta), inoltre saremo 5-6 F1 nello stesso reparto (sotto consultants diversi) quindi la mia vita dovrebbe diventare molto più sociale! Che bello!

Nel frattempo ho fatto la mia seconda settimana di twilight on-call (12.30-24) ed è stata TERRIFICANTE. Tutto sommato mi sono veramente divertita ed ho imparato un sacco (otre ad aver fatto un sacco di cose pratiche), ma ci sono stati un milione di consulti in pronto soccorso e nel frattempo in reparto pazienti con crisi epilettiche, pancreatiti in peggioramento, gente con sanguinamenti acuti da resuscitare, chi più ne ha più ne metta. Insomma, mi hanno dato da fare… 

Un paio di esperienze negative ci sono state… mi sono beccata una ramanzina da un Reg per una cosa per cui secondo me io non avevo alcun torto ed ho imparato la lezione (ovvero: se i reg di chirurgia ti dicono che hanno fatto alcune cose per un paziente che sta male, non dare per scontato che le abbiano fatte davvero e soprattutto che abbiano scritto in cartella, anzi dai per scontato che NON sia stato fatto), mi sono scontrata un paio di volte con un altro F1 che mi chiedeva di fare alcune cose ed il giorno dopo cambiava le carte in tavola e sosteneva di avermi detto cose differenti (lezione imparata: ripeti le istruzioni a chi ti chiede di far qualcosa -volendo fattele mettere per scritto- e fatti spiegare che cosa si aspettano e cosa vogliano che tu faccia con i risultati).
Poi a parte queste cose (comunque molto utili, prima o poi dovevo impararle) me la sono cavata bene, sono soddisfatta.

Ho fatto la prima lezione agli studenti del quinto anno e già non vedo l’ora di rifarne altre (spero che ci siano ancora studenti nelle prossime rotations -tra l’altro in chirurgia dovrei averne uno che mi segue!!!! spettacolo-). E’ stato molto divertente. Avrei potuto fare alcune cose meglio ed ho delle idee su cosa fare in modo diverso, ma l’ho trovata un’esperienza decisamente soddisfacente! (e le evaluation forms sono state positive! eheh)

Il mio ePortfolio va molto meglio, ho tutte le form obbligatorie compilate tranne quelle del mio Clinical Supervisor (mi fa incavolare da morireeee). Martedì 26 ho appuntamento con la capa del Foundation Programme per fare il review del Portfolio (insieme ad altra gente, ma io sono la prima degli F1 e l’unica non in ordine alfabetico.. ovviamente mi sto facendo un sacco di seghe mentali su sta cosa), voglio proprio vedere che mi dice.

Nel frattempo sono tornata in vacanza in Italia.. ho già una nostalgia! In realtà non è nemmeno nostalgia dell’Italia (ovviamente è anche quello), ma la cosa che mi manca di più sono i miei amici e la famiglia.. avere qualcuno con cui non ti devi guardare le spalle, con cui sai di avere tante cose in comune, tanti interessi ed esperienze passate. Per ora con i ragazzi che ho conosciuto qui mi sento un po’ su un altro pianeta. Da un lato il mio reparto (in cui sono da sola) mi ha isolata molto, dall’altro io sono timida e non mi butto… ma sento davvero la necessità di farmi degli amici.. anche solo per chiacchierare un po’ nel weekend.. Spero che nella prossima rotation vada meglio (per lo meno sono sicura che saremo in tanti!)

Martedì sono stata nella ridente cittadina di Chesterfield, un paesello di campagna che sembrava uscito dall’800.. una cosa strepitosa! (e dico paesello ma mi ha dato l’impressione di essere più grande di Sheep Town). Faceva un freddo incredibile ma mi sono divertita! Eravamo con Carlo che lui ha fatto un colloquio nell’ospedale lì, ed ho notato che tutti  i medici usavano gli scrubs, il che ha scatenato in me un’invidia incredibile!
A parte tutto, questi posti dell’Inghilterra sono davvero bellissimi.. La campagna circondante è STUPENDA! Tutte le volte che attraverso il centro dell’Inghilterra in treno ne rimango sempre colpita.

Domani ho un corso ILS (Immediate Life Support, a metà tra il BLS e l’ALS) quindi niente reparto! E domani era Londra! Yeee!

A presto,
Un bacione
Fede